Passa ai contenuti principali

Strevi, Palestina, duemila e nove anni or sono.




Quest'anno ho fatto il Presepe, come tanti anni fa, in barba alle polemiche e ai bianchi natali auspicati dai fondamentalisti cristiani contrapposti ai politicamente corretti natali dei loro antagonisti, in barba a chi mi dice che il Presepe, o l'albero, sono antichi, sono ferraglia da gettare nel dimenticatoio, ho voluto fare il contrario, per ricordare a me stesso due cose:
-c'è un luogo, fisico, o mentale, dove sto andando.
-per proseguire lungo il cammino devo ricordarmi sempre da dove sto venendo.

e io vengo da qui.

Auguri a tutti quelli che ne hanno davvero bisogno.




Commenti

Mary ha detto…
U.A.U. Barrocu...

Per la superficie e per quello che sta sotto...
a.g.barrows ha detto…
:* ! ecco... e BUON15!!!!!!
言承旭Jerry ha detto…
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

Post popolari in questo blog

3°Tappa Arian d'la Miseria - Sassello-parte 2

Rieccoci..dunque, eravamo sul ponte delle due province, si attraversa la strada e si scende nel bosco, verso il fiume, di lì si segue un ritano che corre parallelo all'erro e che conduce in breve alla spianata che abbiamo visto dall'alto, si taglia un grande campo di fieno e si arriva finalmente in riva al nostro amato fiume per rinfrescarsi un po'
di qua si prosegue fino a Miogliola attraversando una valle che somiglia un po' alla bassa pianura: pioppi, campi di grano e fieno...

di Miogliola diremo solo che è una borgata piccolissima, che l'alimentari è chiuso da 10 anni, e che per farsi dare dell'acqua bisogna parlare mOOOOOllto chiaramente... comunque ci sono una signora che ci riempie la borraccia nonostante la TV intimi a tutti di non aprire la porta agli sconosciuti e un signore che ci dà altra acqua e le dritte per arrivare a Sassello lungo una pista che avevamo scartato perchè dalle cartine non risultava tracciata completamente... In marcia allora, c'è …

Del buio e della vita nascosta a pochi passi da casa..

Viviamo immersi nella tecnologia, siamo circondati da diavolerie tecnologiche impensabili solo 10 anni fa… Tuttavia alla sera, quando esco in terrazza a fumare la sigaretta, solo i pochi metri del bagliore proiettato dalla finestra mi separano dalla riva boscosa davanti casa, e, oltre questa, i campi, i boschi le radure popolate dalle ginestre. Tutto immerso in un buio che, a dispetto della nostra tecnologia è  ancora quello di sempre. Davanti ad esso siamo soli, impotenti, ignoranti. Perché lì fuori c’è un mondo che si muove, vive, prospera, a pochi metri da noi senza (o quasi) che ce ne accorgiamo. Quello che possiamo fare è (se siamo capaci ) leggerne i segni al mattino: delle impronte, la terra smossa sul sentiero dei caprioli, le piume di una sventurata gallina sparse nel bosco.. Ma la nostra , per quanto attenta e precisa, è comunque lettura tardiva di una vita, di un mondo al quale non partecipiamo e che si svolge a pochi passi dalla nostra casa…   E quindi? E quindi ci si com…

27Aprile2008 Gita alla Diga di Molare

"Le due dighe non si videro mai in faccia. Una scappò via un giorno d'agosto del 1935. Da allora la Diga di Molare è rimasta immobile, silente forse aspettando il ritorno del fiume. Sì, il fiume, mai lo vide così grande come in quel lontano agosto e mai più lo vide." (Cfr. www.molare.net)


Partiamo per la nostra gita Domenica 27 Aprile, da Molare prendiamo verso Madonna delle Rocche e poi su , verso Olbicella. All'altezza del nuovo invaso di Ortiglieto lasciamo la macchina e ridescendiamo la strada per ca 200 metri, scendiamo per un sentiero chiuso da una sbarra.
Dopo qualche centinaio di metri siamo sul greto dell'Orba, là dove c'era un tempo Sella Zerbino ora c'è una gola dalle pareti lisce e un laghetto di acqua limpida.
Attraversiamo l'Orba e risaliamo il piccolo Rio delle Brigne per circa 250 metri, entriamo in una radura (che era il fondo del vecchio Lago di Ortiglieto, poi ridiscendiamo fino a intercettare un sentiero che risale Bric Zerbino lungo …