martedì 11 settembre 2012

SETTEMBRE

Gli arti che si muovono, gli occhi che vedono, non sono del tutto miei; uomini e donne morti hanno contribuito a plasmare lo stampo da cui non rifuggo.
Le parole che dico, la linea scritta, non sono unicamente mie, perchè nel mio cuore e nella mia volontà gli antichi avi stanno ancora guerreggiando; Celti, Romani, Sassoni e tutti i morti dal cui ricco sangue le mie vene sono alimentate.
Nell'aspetto, nei gesti, nella voce, nel tono, carne della mia carne, ossa delle mie ossa.
Nei campi che coltivarono io aro le zolle, io cammino i sentieri di montagna che calcarono.
Intorno ai miei passi quotidiani si ergono- buoni e cattivi- coloro i quali mi appartengono.

Richard Rolle

...........

Ti sei mai fermato a sentire il tuo respiro? Cosa lo muove? Cosa lo porta avanti? E la vita. La stessa vita che tiene insieme e conduce avanti tutto il tuo corpo, la tua mente e te come individuo. E' la stessa vita che porta avanti ogni essere vivente, compreso il nostro meraviglioso pianeta.


Questa vita va avanti da miliardi di anni, e ha superato miliardi di ostacoli per arrivare fino a te, e ha avuto successo. Se l'ascolti, succederà in te qualcosa di particolare: ti rilasserai. Sentirai che è questa vita a portarti avanti, e che non c'è tutta questa necessità di fare in prima persona, di essere sempre tu che agisci, che spingi, che lotti. Puoi rilassarti e lasciarti condurre da questa vita che è intelligente e sa dove vuole andare.

Se ascolti il tuo respiro e ti rilassi, il tuo essere si espande e supera i confini dell'Io limitato. Allora ti sentirai davvero far parte di una vita grande, grandissima, e ti sentirai sicuro e sereno. Proseguirai avanti sostenuto da questa forza e nulla potrà fermarti.

Giacomo Bo